Malvasia Part 1: Transcripts Episode 271
Marzo 18, 2020
Cannonau: Transcripts Episode 278
Marzo 18, 2020

Italian Wine Podcast Episode 272 originally aired on February 26, 2020. This is the second part of the special series on Malvasia. Monty Waldin’s original Italian interview of Professor Attilio Scienza was re-recorded in English with the super-talented Rebecca Lawrence playing the English language voice of Professor Scienza. The transcripts of both recordings follow:

English Language Transcript

MONTY WALDIN: Hello and welcome back for another episode of the Italian Wine Podcast. In this podcast we will continue our chat with Professor Scienza (Vinitaly International Academy Chief Scientist) on Malvasia. This is the English language translation of the original podcast recorded with Professor Scienza in Italian. Remember, on our website you will find both the Italian and English language transcripts of this episode. In this second part of our discussion regarding Malvasia, we will focus on a wonderful story regarding the Malvasia di Candia variety, Leonardo da Vinci (the famous Italian Renaissance man), and his vineyard in Milan. 

Thanks Attilio and welcome back.

We’ve learned some surprises about Malvasia di Candia Aromatica relatively recently. Can you tell us the story of the researchers and their discovery?

A.S.: Well, there is a good story to tell about the Malvasia di Candia Aromatica (which is not the Malvasia di Candia of Lazio—it is something different) because this Malvasia di Candia Aromatica was the vine cultivated by Leonardo [da Vinci] in his vineyard that he had at the Atellani’s house. 

Leonardo arrives in Milan and is called by Ludovico il Moro with the task of organizing the defenses of Milan so to speak. He’s also to organize the navigli [or navigable canals] and the parties—because Ludovico il Moro uses Leonardo for his wedding and all the decorations that are designed for this wedding, as was then in vogue. 

Leonardo, however, in order to work in Milan, must be transformed into a citizen of Milan, as such. For this he needs a home, and the only way is to give him this villa (which is currently very close to the place where the fresco of the Last Supper is painted). And this Villa has a space inside, as was the medieval custom, where one would keep a lawn, or a vegetable garden, or a vineyard. 

The vineyard [within this particular villa] remained until 1943, when it was destroyed by an American bombardment. Fortunately, this vineyard (or what remains of this vineyard), though buried with the materials from the demolition of the houses after the bombing, has roots that remain vital. They remain vital, therefore, until our time! 

In 2013 the University of Milan was commissioned to rebuild Leonardo’s vineyard. So, we began to dig, following the drawing that Leonardo had made of his vineyard. And we found, at last, that stumps remained; these vines that were un-grafted, and of course the roots. They extracted DNA from these roots—using molecular archaeology techniques—and by comparing the micro-satellite profile of these roots against the databases, this unknown specimen was placed near the Malvasia di Candia, which is still cultivated in Piacenza (Malvasia di Candia Aromatica). 

Well, we calmed down a bit when we saw this result. We said: “OK, in 1500 the Venetians had spread the fame of this wine and, therefore, also of the grape [from which the wine is produced].  And then [around] 1501 Leonardo frequented [areas] toward Mantua and Venice, so [it made sense that] he had absorbed this Malvasia culture.” But the most curious thing is that when we started to compare the profile of this so-called unknown grape variety with that of Malvasia Aromatica in a “cluster,” we saw that this unknown specimen always ended up not closely related to familiar oriental Malvasias. Instead, it was more closely related to grape varieties originating in the Po Valley—more closely related to Bonarda, Ruché, some Lambruscos. 

This [new information] contradicted our hypothesis [that we were dealing with] a Malvasia of Greek origin. And what helped us was also the reconstruction of the origin of the Atellani family: this family that owned Leonardo’s house also had a property in a village between Pavia and Casale Monferrato, called Candia. Hence, it was not the Greek Candia that gave its name to Malvasia Aromatica, but instead this small town [named “Candia”] where they cultivated this Malvasia. It was therefore a Malvasia of Po Valley origin! 

In fact, the most important relative is the Malvasia Odorosissima of Parma (no longer in existence) which contributed the aroma of Malvasia dei Moscati to this Malvasia. So we have confirmed a Po Valley origin for our Malvasia—a very original Malvasi—cultivated only in small villages in the valley [around] Piacenza. It can make a very aromatic wine; sometimes it is sweet, other times it is dry. Very often it is vinified in autoclave producing a sparkling wine. It is very pleasant for consumption during the summer. It goes well with ham, various cold cuts, melon, and so on.

M.W.: I heard a rumor you appeared as a character in a novel published around the time of the 2015 Milan expo. Care to share?

A.S.: This story about Leonardo’s vineyard prompted a writer, named Giovanni Negri, to write a novel called Il Vigneto da Vinci which was published for the 2015 Milan Expo. This curious story sees as its protagonist a certain [police] commissioner Cosulich that takes on the case of a kidnapped professor (who happens to be me). [It would seem] this professor was kidnapped because, as our commissioner believes, there is interest in reconstructing the da Vinci vineyard to make a very expensive wine. It is an interesting story to read—a detective story published for the Expo and of course you can find it [in bookshops].

M.W.: Great! I hope they find you in the novel and that there is a happy ending! We conclude this second part of our educational talk on Malvasia by suggesting to our listeners some bibliographical references. Can you point us toward any available resources if we want to learn more about Malvasia or any of the topics you’ve covered today?

A.S.: To dig deeper into the topic of Malvasia, and also to learn more about the research that uncovered Leonardo’s Malvasia di Candi Aromatica, there are two recent books of mine. One is called La Stirpe del Vino, written together with Dr. Serena Imazio and published by Sperling & Kupfer in Italian. The English language translation is also available, titled Sangiovese, Lambrusco, and Other Vine Stories. Within, you can find a whole series of in-depth information, not only about Leonardo’s vineyard and Malvasia, but also about many other grape varieties. We cover all the genetic, cultural, and anthropological influences acting upon these vines over the centuries.

M.W.: Perfect. Thank you very much Attilio, you can also find information about Attilio’s latest book in English on our website italianwinepodcast.com. 

Thanks again to Professor Scienza for telling us about Malvasia and thanks to everyone listening in! See you next time!

A.S.: Thank you for your attention. I hope you have enjoyed our discussion and look forward to our next meeting. Good day.

Italian Transcript

MONTY WALDIN: Hello and welcome back for another episode of the Italian Wine Podcast. In this podcast we will continue our chat with Professor Scienza (Vinitaly International Academy Chief Scientist) on Malvasia. As usual you will find also an English language version of this podcast and transcripts in both Italian and English. In this part, we will focus on a wonderful story regarding the Malvasia di Candia variety, Leonardo da Vinci the famous Italian Renaissance man, and his vineyard in Milan. Grazie Attilio, ben ritrovato, raccontaci questa bellissima storia riguardante le ricerche Malvasia di Candia e il vigneto di Leonardo da Vinci a Milano.

A.S.: Ecco, c’è una bella storia da raccontare sulla Malvasia di Candia Aromatica, che non è la Malvasia di Candia del Lazio, è una cosa diversa, perché questa Malvasia di Candia Aromatica era il vitigno coltivato da Leonardo nella sua vigna che aveva presso la casa degli Atellani. Leonardo arriva a Milano, è chiamato da Ludovico il Moro, con il compito di organizzare un po’ le difese di Milano, e una certa organizzazione dei navigli, e anche delle feste, perché Ludovico il Moro utilizza Leonardo per il suo matrimonio, e per tutti gli scenari che Leonardo disegna per questo matrimonio com’era allora in voga. Leonardo, per poter lavorare a Milano, però, deve essere, in un certo senso, trasformato in un cittadino di Milano e per questo gli serve un’abitazione, e l’unico modo è di regalargli questa villa, che attualmente è molto vicina al posto dove viene dipinto l’affresco dell’Ultima Cena. E questa Villa aveva all’interno uno spazio, come era nella consuetudine Medievale, dove tenere un giardino o comunque un orto oppure un vigneto. Il vigneto rimane tale fino a 1943, quando un bombardamento americano distrugge il vigneto. Ma fortunatamente questo vigneto, quello che resta di questo vigneto, viene ricoperto dei materiali che si erano formati nella demolizione delle case per il bombardamento, e le radici rimangono vitali; rimangano vitali, dunque, fino ai nostri giorni. Nel 2013 viene dato l’incarico all’Università di Milano di ricostruire il vigneto di Leonardo. E noi cominciamo di scavare, seguendo il disegno che Leonardo aveva fatto del suo vigneto, e abbiamo trovato, finalmente, ancora i ceppi, queste viti che erano franche di piede (non erano innestate) e naturalmente le radici. Da questi radicchi viene estratto il DNA con delle tecniche di archeologia molecolare, e confrontando il profilo micro-satellite di queste radici con le banche dati il responso è collocare questo ignoto vicino alla Malvasia di Candia, che viene coltivata ancora adesso nel Piacentino (la Malvasia di Candia Aromatica). Beh, noi ci siamo un po’ tranquillizzati quando abbiamo visto questa appartenenza; abbiamo detto: bene, nel 1500 i Veneziani avevano diffuso la fama di questo vino e quindi anche del vitigno. E poi c’è questa frequentazione di Leonardo dal 1501 verso Venezia, verso Mantova e Venezia, quindi aveva assorbito questa cultura della Malvasia. Ma la cosa più curiosa è che quando ci siamo messo a confrontare il profilo di questo vitigno cosiddetto ignoto con quello della Malvasia Aromatica in un “cluster”, abbiamo visto che questo vigneto ignoto andava a finire sempre vicino non a delle varietà orientali o a delle Malvasie che noi conoscevamo, ma sempre vicino a dei vitigni di origine Padana. Quindi, era vicino alla Bonarda, al Ruché, vicino ad alcuni Lambruschi. Questo ci aveva un po’ sviato da questa ipotesi della Malvasia di origine greca. E quello che ci ha aiutato è stata anche la ricostruzione dell’origine della famiglia degli Atellani, questa famiglia che è la proprietaria della casa di Leonardo che aveva una proprietà anche in un paese tra Pavia e Casale Monferato che si chiamava Candia. Quindi non era la Candia Greca che attribuiva il nome alla Malvasia Aromatica, ma era questo piccolo paese, dove loro coltivavano questa Malvasia che era dunque la Malvasia di origine Padana. Infatti il genitore più importante è questa Malvasia Odorosissima di Parma, ormai scomparsa, che ha portato l’aroma della Malvasia dei Moscati in questa Malvasia. Quindi è stata chiarita questa origine Padana di questa Malvasia, molto originale rispetto alle altre Malvasie coltivata solamente in una piccola località delle valle piacentine, per fare un vino molto aromatico, talvolta anche dolce (non sempre), a volte è anche secco, molto spesso è un vino vinificato in autoclave, quindi frizzante; è molto piacevole anche da un punto di vista al consumo durante l’estate, per consumarlo anche con prosciutto, salumi vari, melone e così via.

M.W.: A proposito di questa storia, alcune voci ci dicono che sei stato anche il protagonista di un romanzo di uno scrittore italiano—un giallo—dove si fa riferimento proprio a questa scoperta del vigneto di Leonardo. Ce ne parli? 

A.S.: Questa storia della ricerca della vigna di Leonardo ha dato uno spunto a un scrittore, Giovanni Negri, per scrivere un libro che si chiama Il Vigneto da Vinci che è stato publicato in occasione dell’Expo di Milano nel 2015. Questa storia è una storia molto curiosa che vede come protagonista questo commisario Cosulich al quale arriva un caso di un rapimento, il rapimento di un professore che in questo caso sono io. Questo professore è stato rapito perché il nostro comisario pensava che ci fossero degli interessi per ricostruire il vigneto da Vinci per fare un vino poi di altissimo prezzo. È una storia interessante da leggere; è un giallo che è stato publicato in occasione dell’Expo e naturalmente si può trovare.

M.W.: Perfetto, spero che nel romanzo ti abbiano poi ritrovato e che ci sia stato il lieto fine! Concludiamo questa seconda parte dello speciale sulle Malvasie suggerendo ai nostri ascoltatori qualche riferimento bibliografico. Se uno volesse saperne di più quali sono alcune risorse da leggere o studiare?

A.S.: Per approfondire questo argomento delle Malvasie, ma in particolare anche la storia che vi ho raccontato sulla Malvasia dei Candia Aromatica della vigna di Leonardo, ci sono due miei libri recenti, uno si chiama La Stirpe del Vino ed è stato scritto assieme alla Dottoressa Serena Imazio e publicato dalla Sperling & Kupfer, e poi l’edizione inglese Sangiovese, Lambrusco, and Other Vine Stories che è invece un riedizione inglese in cui potete trovare tutta una seria di informazioni approfondite, non solo sulla vigna di Leonardo e non solo su le Malvasie, ma anche su molti altri vitigni e in cui vengono raccontate tutte le origini, genetiche, culturali, antropologiche, di cui questi vitigni sono stati oggetto nel corso dei secoli. 

M.W.:Perfetto, grazie mille Attilio, trovate informazioni sull’ultimo libro di Attilio in lingua inglese anche sul nostro sito italianwinepodcast.com. Grazie ancora al Professor Scienza per averci parlato delle Malvasie e grazie a tutti quelli che ci hanno seguito! Alla prossima!

A.S.: Grazie, vi ringrazio per l’attenzione, vi auguro una buona giornata e vi invito al nostro prossimo incontro.