Ep. 342 Jumbo Shrimp Guide | Frequently Asked Questions
July 2, 2020
Ep. 344 #iobevoacasa – LOCKDOWN SERIES | Michelle Erland and Lawrence Cronin
July 6, 2020

💡 Please consider donating any amount to support the Italian Wine Podcast and receive a free hard copy of The Jumbo Shrimp Guide to Italian Wine!

Italian Wine Podcast Episode 343: What is Scienzay up to these days?

It’s #everybodyneedsabitofscienza and Professor Scienza is back to answer a question from David Pinzolo. I think I almost fainted by only listening to the question, and Stevie needed to have a coffee break so… You get the idea.

Musical Guest: ATOMO – Check him out!

Supported by: Vinitaly International Academy. Join VIA today!


Questions from David Pinzolo of Three Tier Partners:

Con l’avvento dell’effetto serra, pensi che i sistemi di impianto a spalliera verranno sostituiti da pergole? 

Se così dovesse essere, che caratteristiche pensi avrà l’uva coltivata con questi nuovi impianti partendo dal presupposto che la cantina continuerà a focalizzarsi sulla qualità e non sulla quantità, portando quindi  densità di impianti e rese per vite consoni per questo tipo di filosofia produttiva? 

Cosa pensa della validità scientifica di effettuare fermentazioni spontanee o comunque con lieviti indigeni per dare specificità ai vini prodotti?

Ho sentito parecchi produttori parlare dell’idea che questo tipo di fermentazione col passare del tempo, se fatto costantemente, dovrebbe portare a localizzare i vini prodotti ad una zona ed addirittura alla specifica cantina un pò come il codice postale da una posizione unica, specifica, e non condivisibile con altri indirizzi. È d’accordo? 

Come si spiegano allora gli ultimi studi fatti negli USA che sostengono che uno spazio dedicato alla fermentazione è da definirsi contaminato se in passato vi sono stati usati lieviti commerciali? Questo indica che nelle prime fasi di fermentazione sono presenti e attivi i lieviti indigeni, che però vengono sopraffatti da quelli commerciali annidati nell’ambiente di lavoro. 

Qual è secondo lei la differenza tra le viti geneticamente modificate e quelle create secondo il metodo più tradizionale di clonazione per propagazione? 

Si tratta della stessa cosa o nel primo caso si interviene direttamente sul DNA della pianta tentando di trovare una risposta ad una domanda specifica, mentre nel secondo caso si accoppiano due piante con caratteristiche desiderate sperando che queste poi si riscontrino anche nella prole che ne deriverà? 

La ringrazio in anticipo se deciderà di rispondere ad una o più delle mie domande. 

Cordiali saluti.


Do you foresee a far-reaching change in the trellising systems used in vineyards away from vertical training and a return to pergola/horizontal systems as a result of climate change?

If so how would you expect the characteristics of the resulting grapes to change assuming the growers are continuing to focus on quality and not quantity so the new vineyards are set up to carry “proper yields” and are planted to the proper vine density per hectare? 

What do you think of the concept of wild yeast and/or spontaneous fermentations with the idea that doing so gives the wines more product specificity? I have heard many producers talk about this practice with the belief that it works a little bit like a zip code so if done regularly and scrupulously it will yield wines that will speak of the area but even more so the vineyard and the specific winery. Do you agree? 

How should one think of the most recent studies published in the US which seem to indicate that once commercial yeasts have been used in the fermentation area they are so aggressive that fermentations can be started spontaneously or using indigenous yeasts but in short order the ambient commercial strains will overtake the wild strains and the fermentation will effectively become one under the control of the non-native strains?

What is the difference, in your opinion, between genetically engineered vines and vines that are modified via more traditional crossing and propagation methods? Are the two essentially the same except that, in a very simplified fashion, the former involves a specific question and the attempt to reach the answer by working on the DNA sequence of the plant whereas the latter involves taking two plants with desirable characteristics mating them and hoping that those desirable characteristics will emerge in the resulting “offspring?”

Thanks, in advance, should you decide to answer one or more of my questions.

Cheers!